BENVENUTI NEL COMPRENSORIO OUTDOOR DI PIETRA LIGURE, VAL MAREMOLA E BORGIO VEREZZI
BENVENUTI NEL COMPRENSORIO OUTDOOR DI PIETRA LIGURE, VAL MAREMOLA E BORGIO VEREZZI

A spasso con il tempo, riapre il Museo dell’Orologio

Una delle attrattive culturali e curiose che si possono incontrare nella nostra splendida vallata, una delle tappe da non perdere dopo un giro o una escursione nei sentieri della Val Maremola e dell’entroterra: ecco il Museo dell’Orologio di Tovo San Giacomo, che venerdì 5 giugno riaprirà i battenti dopo il lungo periodo di chiusura per l’emergenza Coronavirus.

Un luogo davvero speciale e unico nel suo genere.

Da giugno ad agosto (compresi) il Museo sarà aperto nei seguenti orari: venerdì, sabato e domenica dalle 17.00 alle 21.00.

Il Museo nasce dalla volontà dell’ultimo orologiaio Giovanni Bergallo che espresse il desiderio di donare la sua collezione al proprio paese per esporla come testimonianza dell’arte orologiaia e della tradizione familiare per le macchine del tempo.

I Bergallo costruirono orologi da torre fra il 1861 e il 1980 nella casa-officina dove si svolse tutta la loro attività. I loro orologi furono installati in Liguria, Piemonte, Val d’Aosta, Valtellina e quello più lontano in Patagonia.

Gli orologi esposti sono pezzi autentici (il più antico risale al XVI secolo) raccolti dalla famiglia Bergallo stessa e provenienti da donazioni di collezionisti, chiese ed altri enti.

Oltre agli orologi troverete quadranti, lancette, “stranezze” provenienti da campanili, carrucole, tutti oggetti attestanti una ricca storia della tecnica e della meccanica orologiaia ormai irripetibile.

IL PRESENTE

Dopo alcuni anni di apertura, l’arrivo di nuovi pezzi, l’accresciuta importanza a livello nazionale hanno reso necessari lavori di restauro della sede museale, conclusisi nel 2011 con ampliamento della superficie totale ed un nuovo percorso espositivo rinnovato nell’architettura e nei materiali, realizzato con il sostegno della Regione Liguria e della Fondazione De Mari. Progettista dell’intervento è stato l’architetto Luca Forno di Genova.

L’attività del Museo ha trovato riconoscimento anche nell’ammissione alla Associazione MuseImpresa, insieme alle più importanti raccolte delle fabbriche Piaggio, Zucchi, Ferrari, Campari, Ducati, Barilla ed altre di livello nazionale.

Il Museo viene anche aperto su prenotazione per gruppi o in caso di realizzazione di laboratori didattici: la visita guidata dura circa 45 minuti; è possibile compiere la visita libera avvalendosi delle didascalie espositive.

Allo scopo di favorirne la conoscenza l’ingresso al museo è gratuito per tutti i cittadini residenti e per gli alunni delle scuole di Tovo San Giacomo.

Il Museo parte del circuito Ligurian Riviera – Tourist Card.

CONTATTI

Per informazioni e prenotazioni: tel. 019 648 545. Nei giorni di chiusura è possibile contattare la cooperativa sociale Arcadia cui è affidata la gestione al numero 019 8896412, email: info@arcadiacss.it. In alternativa è possibile contattare il Comune di Tovo S. Giacomo al numero 019 63 79 021 (oppure 019 63 79 035): gli incaricati saranno lieti di fornirvi altre informazioni. Per informazioni sulle attività visitare la pagina Facebook, Instagram e Twitter.

STAY TUNED

Outdoor mare, escursioni in barca e snorkelling

Finale Ligure. Una estate 2020 e una ripartenza nel segno dello sport… Ecco che il nostro comprensorio rilancia tutte le attività #outdoormare: dal Sup, al…

LEGGI TUTTO

Storia di Ranzi, una frazione a vocazione outdoor

Nuovi percorsi e sentieri in mountain bike, ma anche escursionismo e trekking: sulla collina di Pietra Ligure ecco la frazione di Ranzi, sempre più sinonimo…

LEGGI TUTTO

Vacanze e riscoperta della natura, ecco le migliori scarpe da trekking

Il lockdown è finito, le regioni e i confini nazionali hanno riaperto e questo è il momento giusto per venire a Pietra Ligure e nella…

LEGGI TUTTO
LEGGI TUTTO